fbpx
TRENTINO: Il drago Vaia di Lavarone
TRENTINO: Il drago Vaia di Lavarone

TRENTINO: Il drago Vaia di Lavarone

Il Drago Vaia è la più grande opera di questo tipo a livello europeo. Realizzato nel comune di Lavarone, in Alpe Cimbra.

E’ stato costruito con ben 3000 viti e 2000 scarti di arbusti, arbusti sradicati via dall’alluvione del 2018. Opera voluta dal comune di Lavarone che mira alla valorizzazione della rete sentieristica adatta alle famiglie coinvolgendole con fiabe ed istallazioni di personaggi come folletti e draghi sensibilizzando i visitatori su temi green e ambientali.

Quattro i sentieri tematici coinvolti:

Il sentiero delle leggende: Avi, L’Avez del Prinzep ed il drago Vaia

Il sentiero delle sorgenti: Alla ricerca dell’acqua el vacarot

Il sentiero 4 salti nel bosco: Avi l’esploratore e gli animali

Sentiero del respiro degli alberi

Marco Martalar è l’ inventore del leggendario drago lungo 7 metri ed alto 6, posizionato in una delle viste più belle di Lavarone. Il drago oltre a simboleggiare forza e maestosità è presente in molte leggende locali.

Ci sono molti sentieri di diversi livelli di difficoltà che conducono all’opera. Il panorama è spettacolare!

DOLCIVIAGGI -DRAGO VAIA

CON IL CAMPER

Super consigliato il Camping Sole Neve a Folgaria con lo ski bus gratuito siamo giunti a Cappella e percorso il sentiero attraverso il bosco fino a giungere al Drago 4 km andata e ritorno, un po’ impegnativa la salita per i bambini piccoli ma fattibile anche con il passeggino.

Se desiderate arrivare senza nemmeno un po’ di fatica c’è anche la seggiovia che vi porta super vicini.

CON LA MACCHINA

Il sentiero più consigliato ad anello è quello da Gionghi circa un’ oretta di camminata. Vicino al municipio troverete una via che sale sulla sinistra fino alla strada principale in cui troverete la segnaletica dedicata al sentiero verso il drago. Anche da Gionghi il sentiero porta dentro il bosco.

Come tutte le opere realizzate con materiali di recupero soprattutto di legno sarà bello ritornare a distanza di poche stagioni per vederne i cambiamenti dovuti alle intemperie.

CONSIGLI UTILI

Scarpe da Trekking indispensabili, sono molto utili anche i bastoncini da camminata. Il drago attira tantissime persone, ma proprio tante, quindi se volete fare foto ricordo poco affollate optate per un escursione nei primi giorni della settimana.

Il posto non è ancora ben attrezzato per accogliere così tanti turisti quindi programmate per tempo se volete pranzare al rifugio Tana Incantata ( aperta in inverno) o nei locali dei borghi vicino.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *