PUGLIA-  Accadia borgo Autentico d’Italia
PUGLIA- Accadia borgo Autentico d’Italia

PUGLIA- Accadia borgo Autentico d’Italia

Accadia è un piccolo comune della provincia di Foggia, caratterizzato da affascinanti case scavate nella roccia, tutt’ oggi si possono ammirare perfettamente conservate nel Rione Fossi.

Accadia vanta una storia antica che risalente a prima dell’anno Mille.

Il piccolo borgo è situato a 650 metri di altitudine ed è tra i più elevati della Puglia si trovano nel territorio la cima del Monte Crispignano (1.105 metri), e Monte Tre Titoli (1.030 m).

DOVE SI TROVA ACCADIA

Per vedere meglio dove si trova Accadia ecco la mappa

COSA VEDERE AD ACCADIA

Come in molti paesi dell’Irpinia, anche qui ad Accadia il patrimonio architettonico religioso e civile è relativamente recente a causa dei numerosi terremoti che hanno colpito quest’area.


Il patrimonio storico del centro accadiese è caratterizzato dall’ottocentesca Fontana Monumentale, affiancata dalla Torre dell’Orologio e dal Santuario della Madonna del Carmine, arroccato sulla cima del monte Crispignano. Proprio su questa cima, secondo la tradizione religiosa, la Madonna apparve ad un pastorello.


Vicino alla piazza dell’Orologio si trova il Museo civico di Accadia al suo interno si può scoprire la storia locale grazie ad un percorso che va dall’età preistorica fino all’età moderna.


La parte di Accadia Antica è perfettamente conservata nel Rione Fossi, costituita dalle sue affascinanti grotte e case scavate nella roccia.


Maestoso è anche il patrimonio naturalistico di questo luogo con il Bosco Paduli, un vero paradiso terrestre.

Il rifugio si raggiunge facilmente prendendo la strada provinciale che collega Accadia a Deliceto. Da qui partono dei sentieri che permettono di percorrere il bosco in lungo e in largo.
Nel bosco secolare di querce è possibile vedere diversi punti di interesse, come il fontanile, la neviera, e la Murgia di Centra, dove sorgeva l’ abitato medievale di Aqua Fortis.
Posto stupendo per molte escursioni.

Arrivati alle Gole di Punta di Pietra si trova un sentiero facile per raggiungere in circa mezz’ora a tratta le gole di Accadia, uno spettacolo naturale non indifferente. Da dotarsi di spray antizanzare e da evitare nelle ore più calde della giornata. Dopo circa 300 metri dal punto di ingresso è presente una piccola chiesetta d’ epoca templare, la cappella di Santa Maria dei Teutoni.

PIATTI TIPICI LOCALI

I piatti tradizionali che meglio esprimono questa terra:

  • laghn’ e fasul’  tagliolini con fagioli, preparati in occasione della festa patronale di San Sebastiano;
  • pizzott’ e tall’ rombi di pasta tirata a mano con talli di zucca;
  • gnoct’ e acc’  gnocchi e sedano, la ciambotta, un trionfo di verdure; 
  • patat’ a’ la munacennia patate lesse condite con olio, aglio e peperoncino, piatto preparato per celebrare la Pasqua; 
  • Lu cas’ e ova carne d’agnello cotta in forno con formaggio e uova.

Tra i dolci tradizionali 

  • Susumill’crspell’e piccilatill’ tipici del periodo di Natale
  • squarcelle e pizz’calzon’ tipici del periodo pasquale.

EVENTI ACCADIA

Molti gli eventi proposti ad Accadia organizzati durante tutto l’anno.

Il 20 gennaio ricorre la festa patronale di San Sebastiano  con i tipici falò rionali.

I falò avevano significati propiziatori e purificatori e segnavano il passaggio del ciclo naturale vecchio con quello nuovo. Attorno ai falò si socializzava facendo festa tra canti, balli, buon vino e mangiando le tipiche patate cotte sotto la cenere.

Questa tradizione ancor oggi vive ad Accadia richiamando a se tanti turisti. Grazie alle organizzazioni locali come la proloco che organizzano la festa dei falò dalla preparazione dei falò alla distribuzione gratuita dei piatti tipici della gastronomia locale, come le laghn e fagioli e le pizze di granoturco.

La solenne processione del Santo e la benedizione dei fuochi danno inizio alle manifestazioni con il palio seguito da balli folcloristici, musica e degustazioni.

Un altro evento da non perdere è il Carnevale, il pellegrinaggio penitenziale alla Madonna del Carmine nella prima domenica di maggio.


Nel mese di luglio tantissime le rassegne teatrali, concerti, notti bianche, mostre e tornei sportivi e il famoso festival internazionale di musica blues .

Ogni cinque anni grandi festeggiamenti per celebrare la discesa della Madonna dal monte Crispignano

Durante la stagione autunnale ci sono L’Appennino Arti’nfest e la sagra dell’uva e del vino .

Nel mese di dicembre, il consueto  presepe vivente allestito nel suggestivo rione Fossi.

Altre tappe per il tuo tour in Puglia IL SALENTO e ALBEROBELLO

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *